Incentivi auto 2013: acquisto di un’auto a metano

incentivi auto 2013L’acquisto di un veicolo a basse emissioni di CO2, come può essere un’auto a metano, prevede la possibilità di avvalersi degli incentivi auto 2013; gli aiuti saranno di consistenza variabile in funzione dell’impatto ambientale derivato dall’uso della vettura stessa.

 Gli incentivi auto 2013 devono essere richiesti sul sito http://www.bec.mise.gov.it/site/bec/home.html (Ministero dello Sviluppo Economico) ed è fondamentale seguire l’iter proposto per non perdere ogni diritto al contributo richiesto.

 Gli importi garantiti corrispondono ad un quinto del prezzo dell’auto acquistata, rispettando comunque le soglie massime relative al livello di emissioni di CO2 della vettura.

Più nel dettaglio gli incentivi auto 2013 saranno così ripartiti:

  • 2.000€ per vetture con emissioni inferiori ai 120 gr/km;
  • 4.000€ per vetture con emissioni inferiori ai 95 gr/km;
  • 5.000€ per vetture con emissioni inferiori ai 50 gr/km.

Come riportato nel sito del Ministero è possibile usufruire degli incentivi a partire dal 14 Marzo;  sono stati stanziati 120 milioni di euro per l’intero triennio 2013-2015.


Incentivi auto 2013 in sette passi

La normativa specifica “Decreto di attuazione relativo alla norma sugli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni complessive” (visionabile sempre nel sito del Ministero) fornisce ogni informazione utile al riguardo; di seguito si riassumono gli elementi salienti:

  • i veicoli interessati sono quelli alimentati elettricamente, con tecnologia ibrida, a GPL, a metano, biometano, idrogeno e biocombustibili;
  • i contributi spettano solamente alle vetture che vengono acquistate nuove, non a quelle già immatricolate;
  • il rivenditore deve registrare sul sito del Ministero i dati identificativi dell’acquirente e i dati relativi all’auto da immatricolare;
  • il rivenditore dell’automobile deve richiedere il contributo ed entro 90 giorni dall’inizio della procedura dovrà consegnare la vettura all’acquirente;
  • sempre il rivenditore ha 15 giorni di tempo, a partire dal giorno della consegna dell’auto acquistata, per avviare la vecchia auto rottamata ad un processo di demolizione;
  • l’auto usata consegnata al venditore deve essere in ogni caso demolita e non potrà più essere rimessa in circolazione;
  • La casa madre del nuovo veicolo rimborserà il contributo al rivenditore,  che dovrà fornire i documenti relativi all’atto di vendita dell’automobile e la carta di circolazione.

Il consiglio ovviamente è quello di attivarsi e richiedere gli incentivi auto 2013 quanto prima, anche in considerazione dei tempi estremamente ridotti con i quali si sono esauriti i fondi negli anni passati.

se ti piace …… condividilo!!!

Plusone Facebook Twitter Email

Leave a Reply


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.